Emilia Romagna,  Italia

FICO Eataly World: cosa fare e cosa vedere con i bambini

Complice una giornata di pioggia e con la voglia di uscire da casa nonostante il divano richiamasse la nostra attenzione, siamo partiti alla volta di Bologna per visitare Fico Eataly World
E’ la seconda volta che scegliamo di passare una giornata all’interno di quello che una volta era il Centro Agro Alimentare della cittadina emiliana e che tutti conoscono semplicemente con la sigla di CAAB. 
E se la prima volta i nostri sensi erano quelli di adulti, in questa domenica di inizio marzo abbiamo pensato di osservare la Fabbrica Italiana Contadina con gli occhi dei bambini. E la Ciopi è la nostra cavia numero uno.
Intrattenere i bambini con gli animali
Fico Eataly World: la fattoria degli animali
Esattamente cos’è Fico? Spiegare in poche parole cosa sia non è facilissimo e possiamo solo provare a viverlo con i vari progetti che vengono offerti ai suoi visitatori in una area di ben 10 ettari di cui 8  sono al coperto. 
All’interno del vecchio mercato possiamo trovare ben 150 aziende e 40 sono le fabbriche che non solo vendono i loro prodotti, ma li producono direttamente all’interno dell’area espositiva. 
Ben collegato con la stazione centrale da un bus navetta e con un ampio parcheggio gratuito per le prime due ore (pagamento alle casse automatiche prima di uscire se ve lo state chiedendo!) Fico Eastaly World offre ai suoi visitatori innumerevoli occasioni per conoscere a fondo il mondo delle eccellenze enogastronomiche italiane. 
Incontri con esperti, degustazioni, visite alle fabbriche e tanto tanto ancora in un orario ampio che parte dalla mattina fino a sera inoltrata . 
Ed essendo marzo il mese dedicato al mestiere del casaro, abbiamo approfittato della disponibilità dell’azienda Grano Padano per conoscere a fondo questo mestiere e poter così scoprirne i trucchi di un ingrediente di successo, amato dai piccini e adorato dalle mamme. 
L’appuntamento è all’ingresso nella zona denominata info point dove oltre ad avere la possibilità di seguire la guida esperta, possiamo avere una dettagliata mappa che ci accompagnerà lungo tutto il percorso. E fidatevi che serve molto!
Procurarsi una mappa è essenziale
FICO Eataly World: aspettando per l’Info point 
Una volta iscritti all’evento che abbiamo deciso di partecipare e seguendo le indicazioni della voce di uno squillante altoparlante, si partirà con la visita alle stalle che si trovano all’esterno dell’edificio principale e i bambini potranno cimentarsi nella mungitura di una mucca (ahimè!) finta. 
A tutti i partecipanti è previsto un kit omaggio ma soprattutto la bellissima esperienza di poter assistere alla mungitura (quella vera) e alle chiacchiere dell’allevatore con le mucche presenti all’interno del recinto a loro dedicato.
Cavalli, mucche, anatre, galline e tutta la fattoria al completo sono visitabili tutto il giorno e anche senza partecipare agli eventi in programma, sarà un divertimento per tutta la famiglia. 
E nessun pericolo per i bambini essendo ben recintato e con uno steward che controlla che non si mettano le mani all’interno dei recinti. 
Ma Fico Eataly World è anche coltivazione e serre oltre che un percorso didattico sulle tartufaie dove è possibile portare anche i propri amici animali per imparare l’arte della ricerca dei tartufi. Ogni coltivazione e ogni serra è ricca di informazioni grazie ai tabelloni semplici da leggere e di facile interpretazione oltre che permettere la conoscenza di piante che in città è difficile trovare. 
E se da un lato abbiamo avuto modo di vedere come si realizzano le forme di Grana Padano e come si munge una mucca da latte, dall’altra parte abbiamo avuto modo di soffermarci anche nella fabbrica di biscotti che da un lato ci mostra come la tecnologia è ormai al servizio delle aziende e dall’altra ci permette di capire come vengono lavorati ogni singolo ingrediente che troveremo poi ben confezionato sugli scaffali del supermercato. 
Ogni serra una coltivazione
FICO Eataly World: è anche serra e coltivazione 
Un paio di orette passano in fretta e tanti sono i passi che abbiamo compiuto per assistere ai progetti e alle degustazioni che la fame arriva di conseguenza portandoci così a scegliere il locale giusto dove pranzare con i bambini. 
Ogni ristorante – anche il più elegante – ha un menù adatto ai più piccoli e tutti gli ingredienti che compongono i piatti sono provenienti dalla produzione interna della Fabbrica Contadina. 
Noi abbiamo preferito fermarci in uno dei tanti chioschi  assaggiando una squisita piadina con “squacquerone” e rucola accompagnato da una aranciata Lurisia. Un impasto veramente buono e una cottura perfetta che abbiamo fatto il bis tutti e quattro. 
Fico e le sue stalle
FICO Eataly World: la fattoria 
Avrei tantissimo altro da raccontarvi ma ognuno di noi vive l’esperienza a Fico in maniera diversa e ogni volta è un racconto a sé ma con un piccolo consiglio: liberate la mente dai preconcetti. 
Qui non troverete prezzi da discount o da supermercato in offerte 3X2 ma troverete le eccellenze italiane che hanno reso l’Italia un paese amato e conosciuto in tutto il mondo. 
Prima di lasciarvi   è d’obbligo precisare che nessun animale è stato maltrattato per fare le fotografie e nessun compenso è stato erogato per scrivere questo post: tutto è nato spontaneamente perchè ci siamo veramente divertiti. 
Alla prossima 
Davide, Sabrina e Ciopi 
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.