Guest Post

Intervista a Catia D’Antoni di ViaggInGiro

Inauguriamo una nuova rubrica che da tempo è ferma nel cassetto e vogliamo iniziarla intervistando Catia D’Antoni che oltre ad essere una amica vera, è colei che aiuta il blog I viaggi di Ciopilla a non cadere nella trappola dei maledetti refusi che tanto odiamo e che purtroppo arrivano spesso, senza chiederci il permesso.
Autrice ed ideatrice del progetto ViaggInGiro, Catia insieme alla sua meravigliosa cagnolona Alice, una instancabile sostenitrice dei viaggi in camper, tanto da creare un vero e proprio circuito di convenzioni che si è tramutato negli anni – soprattutto grazie alla sua simpatia – in una grande famiglia di viaggiatori.
Vediamo insieme cosa ne è uscito da questa breve ma intensa intervista. Buona lettura!
Un gesto d'amore tra Catia e la sua Alice
Un gesto d’amore tra Catia e la sua Alice
  • Ciao Catia e ben ritrovata. Ci racconti chi sei e quali sono le tue passioni?
Sono una non più giovane romana che ha scoperto una passione, anzi due: viaggiare e raccontare. Meglio tardi che mai, no? Amo gli amici a 4 zampe e so di essere ricambiata.
  • Noi ci conosciamo da tempo Catia, mentre i lettori del blog avrebbero il piacere di sapere qualcosa di te e in particolare del tuo progetto ViaggInGiro. Ci racconti come è nata l’idea? 
Per caso, posso dirlo? Tutto è nato qualche anno fa da un quaderno pieno di biglietti del cinema, dei musei, mostre e funivie che mettevo da parte. Spesso però non ricordavo tutto quello che era stato vissuto in quei momenti e quindi decisi di scrivere nel quaderno, spillando ogni biglietto conservato.
Da lì il passo per scrivere on line non è stato rapido e nemmeno indolore; rendere pubbliche le emozioni all’inizio mi infastidiva un po’, poi però nel tempo scoprire di essere utile a chi voleva conoscere quei luoghi da me visitati mi ha spinto ad andare avanti sempre più.
La scoperta di avere un seguito di lettori ha dato un’altra idea, quella di offrire un servizio a coloro che si stavano sempre più affezionando a tutto ciò che scrivevo e raccontavo. Ecco la creazione di un circuito di strutture che ha reso felici i lettori. Naturalmente strutture ricettive che amano a loro volta gli animali e a cui fa piacere la loro presenza.
Una spiaggia e Alice a passeggio
Passeggiando in spiaggia con Alice
  • Osservando le tue foto sul blog e sulla pagina collegata ad esso sul social facebook, abbiamo notato che insieme a te c’è Alice. Ci vuoi raccontare il vostro rapporto e come è cambiata la tua vita di viaggiatore da quando è arrivata lei?
 
Alice è con me dall’età di due mesi, il giorno esatto del suo primo viaggio in camper e da quella esperienza sono passati sei anni. Il nostro rapporto credo sia indescrivibile, non so se per gli altri è lo stesso ma noi ci capiamo anche senza parlarci. Gli sguardi sono sufficienti. Lei sa perfettamente comprendere il mio modo di guardarla.
La vita in viaggio non è cambiata, forse è cambiata in meglio perché avere un 4 zampe al seguito ti fa rendere conto di quanto il mondo sia o meno disponibile nei loro confronti. Le ha solo aggiunto valore ai viaggi.
  • Parliamo di viaggi e siamo curiosi di conoscere quale è stato il più bello che avete intrapreso e che vi piacerebbe consigliare. E quale invece non pensate di tornare?
 
Il più bello? Chissà! Sinceramente ogni luogo è il più bello perché non lo conosci ancora ed è difficilissimo classificarne uno. Adoriamo la Puglia per la sua ospitalità, così come la Calabria ma il mio consiglio da camperista, è quello di andare sempre alla scoperta di luoghi nuovi proprio perché, avendo le ruote è tutto più semplice.
Il luogo che amo e che ho sempre nel cuore comunque è Parigi, perché li sono nascoste varie cose della mia vita e nonostante ci sia stata varie volte – con o senza camper – ci tornerei ancora.
  • Prima di salutarti abbiamo un ultima curiosità: ma quando non viaggiate come passi le tue giornate? Quali sono i passatempi preferiti a cui ti dedichi? 
 
Le giornate senza viaggi trascorrono scrivendo e raccontando dei viaggi fatti, pensa che ne ho ancora infiniti da scrivere e da sistemare le foto scattate. Il tempo non basta mai. Passatempi? Beh passeggiare con Alice, anche sotto la pioggia.
Ringraziando Catia per essersi prestata a questa intervista e ringraziando la dolce Alice che pazientemente ha atteso buona buona fino a quando non è finito il tutto, salutiamo i lettori del blog con una domanda: chi mi sa dire come si chiama il camper di Catia ? 
 
E se siete viaggiatori, avete un blog o semplicemente volete raccontarci un vostro viaggio ma non sapete come farlo, scriveteci e saremo ben lieti di pubblicarlo per voi. Come? A questo indirizzo email iviaggidiciopilla@gmail.com (oggetto guest post) !
 
 
Alla prossima
 
Sabrina e Davide 
 
 
Condividiamo

2 commenti

  • Noemi Bengala

    Io non conoscevo Catia nè il suo blog quindi innanzitutto grazie per questa presentazione 🙂 Poi devo dire che come lei, anche io ho fatto fatica a rendere pubbliche le mie emozioni attraverso il web. Ero abbastanza orso, cioè lo sono ancora ma adesso mi sento un pochino più a mio agio tra le pagine del blog. Bellissima l'avventura con la sua Alice

  • Veronica

    Il bello di quando leggo le interviste ad altri blogger e viaggiatori è che scopro sempre persone interessanti e che non conoscevo. Come nel caso di Catia e delle sue avventure con Alice!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *